Poiché i marchi di consumo e i rivenditori iniziano a pianificare un periodo natalizio da record in soli tre mesi, in molte sale riunioni cresce l'agitazione. Le crisi dovute a questa situazione competono per attirare l'attenzione: dall'inflazione alle problematiche legate alla supply chain, alla carenza di scorte e alle preferenze incerte dei consumatori, e molti si aspettano l'inevitabile.

Per aiutare i clienti a capire meglio cosa ci attende, Sitecore ha recentemente commissionato un sondaggio a oltre 400 decisori del marketing del Regno Unito presso i principali marchi di consumo, rivenditori e altre categorie. Ecco alcuni punti salienti, insieme a potenziali riflessioni per i brand che stanno contando i giorni che mancano a queste festività.

Questa è la stagione per i marchi di consumo per andare direttamente online

Considerata la crescita dell'e-commerce nel corso dell'ultimo anno, un numero crescente di marchi sta valutando quali strategie (se ce ne sono) di commercio digitale direct-to-consumer prendere in considerazione per le festività. Storicamente, molti marchi hanno esitato a farsi distrarre dall'e-commerce, per non minare le partnership di vendita al dettaglio esistenti o la brand equity con una pessima esperienza di acquisto online.

Tuttavia, chiaramente, la situazione sta cambiando. Quasi un terzo (29%) dei marketer britannici ha in programma di vendere direttamente ai consumatori tramite i propri siti web o le app mobili per la prima volta in assoluto in queste festività. Sitecore Commerce sta aiutando molti di questi brand a farlo, rendendo le strategie commerciali B2B e B2C a prova di futuro e offrendo esperienze di acquisto senza intoppi.

Questa è la stagione del digitale

È facile dare per scontato come il digitale sia integrato in quasi tutti gli aspetti della nostra vita. Un'area in cui ciò risulta lampante è lo shopping natalizio.

L'84% dei marketer adesso segnala che il Cyber Monday “non va più bene per la nostra azienda”, poiché i consumatori si aspettano sempre più che le offerte del Black Friday includano automaticamente l'e-commerce, il che significa che i giorni di shopping più importanti dell'anno si fondono in uno solo, per un'esperienza più fusa e intuitiva. Forse come risposta, 3 marketer su 4 hanno in programma di limitare le promozioni al weekend del Black Friday.

Anche la fusione dei mondi digitali e fisici sta diventando la posta in gioco. Tra i marchi con negozi fisici, più di due terzi (68%) punta a massimizzare la propria presenza fisica, rendendola una “destinazione esperienziale” connessa. Un terzo pianifica anche di digitalizzare eventi specifici per il Natale, come le riunioni virtuali con Babbo Natale per i giovani.

Questa è la stagione per un'esperienza natalizia personalizzata e rivisitata per tutto l'anno

Oltre il 71% dei marketer riferisce di spermentare il coinvolgimento basato sull'abbonamento durante le festività natalizie, per aumentare la fedeltà dei clienti e offrire un'esperienza più personalizzata durante tutto l'anno. Quasi la metà (44%) dei marketer pianifica di intensificare le attività inerenti ai dati di prima parte utilizzando piattaforme come Sitecore CDP per costruire relazioni digitali affidabili con i clienti, poiché la privacy assume un'importanza maggiore.

Questa è la stagione per diventare un leader nell'offerta di esperienze digitali

Mentre i marchi di consumo e i rivenditori si preparano per un periodo natalizio senza eguali, avere uno stack di marketing e il team giusto per soddisfare le elevate aspettative, dai contenuti al commercio, è più importante che mai. Recentemente nominata Microsoft Partner of the Year 2021 nel settore retail e beni di consumo, Sitecore è concepita per offrire soluzioni e supporto.

Puoi approfondire i risultati del sondaggio qui.

Lee Miles è Chief Customer Success Officer di Sitecore. Puoi seguirlo su LinkedIn qui.