È uno degli argomenti più scottanti del mondo tecnologico e divide le opinioni come poche altre tendenze degli ultimi tempi. Naturalmente, stiamo parlando del metaverso.

Prima di pensare che stiamo parlando di avatar senza gambe, distinguiamo innanzitutto tra ciò che le aziende stanno commercializzando e il concetto generale del metaverso. Se hai sentito parlare del nuovo nome di Facebook, Meta, potresti pensare che sia il “metaverso”. Ma Meta è solo uno dei molti prodotti aziendali che dovrebbero invece essere considerati come un canale.

Per i brand che cercano di iniziare questo percorso, consigliamo di pensare al “metaverso” come a un'esperienza più immersiva offerta ai clienti per consentire loro di interagire con il brand in modi nuovi.

I migliori casi d'uso offrono ai clienti un'esperienza che altrimenti non avrebbero potuto vivere. Una delle forme potrebbe essere la realtà virtuale, come Meta (l'azienda), che attualmente richiede l'uso di cuffie. Oppure potrebbe essere qualcosa di più tangibile come l'esperienza che Triumph Motorcycles sta esplorando per portare i suoi prodotti ai clienti che potrebbero non essere in grado di visitare i suoi negozi fisici. Guarda la demo qui sotto con tecnologia Microsoft, Sitecore, Touchcaste Annata:

play-button

Se stai pensando di portare il tuo brand nel metaverso, ecco 5 aspetti da considerare:

1. Concordare la definizione di metaverso della propria azienda

Con la tecnologia emergente, allinearsi alle definizioni contribuirà a garantire risultati positivi. Anche se questo potrebbe sembrare inutile per alcuni, è sufficiente fare un breve sondaggio per capire quante risposte diverse si ottengono alla domanda: “Che cos'è il metaverso?”. Inquadrare la definizione della tua azienda ti aiuterà a mantenere i team in linea con le aspettative, a prevenire lo slittamento dell'ambito e a consentire una migliore progettazione di nuove esperienze.

Se desideri una definizione semplice, la nostra opinione è che il metaverso si riferisce a esperienze immersive che permettono a una persona di completare un'attività che altrimenti non sarebbe in grado di svolgere in quel momento. Attualmente è una collezione di diversi canali disconnessi che include articoli di marca come Meta e Dreamland, nonché esperienze digitali immersive create dal brand e mantenute come l'esempio Triumph di cui sopra. Queste sono spesso offerte tramite la tua piattaforma di esperienza digitale.

2. Identificare le esigenze non soddisfatte dei clienti

Uno dei problemi dei brand con il metaverso è che spesso sembra una risposta a una domanda che nessuno sta ponendo. Ma come puoi notare con l'esempio di Triumph, se esamini il percorso del cliente, ci saranno diversi punti di attrito per i quali sarebbe gradita un'esperienza ricca e coinvolgente, soprattutto se non richiede hardware aggiuntivo.

L'esempio di Triumph è unico perché si collega perfettamente a un percorso che il cliente ha già intrapreso. Offre al cliente qualcosa di nuovo e prezioso sotto forma di formazione e riduce il rischio o l'esitazione che il cliente potrebbe avere nella scelta di un prodotto Triumph.

Naturalmente, devi anche considerare se la tua clientela principale sia interessata a un'esperienza nel metaverso. Una recente ricerca di Sitecore ha rivelato che i millennial e la generazione Z sono le categorie più propense a farsi coinvolgere nelle esperienze nel metaverso. I casi d'uso più comuni includono l'esperienza dei prodotti prima dell'acquisto, il miglioramento della collaborazione remota e la replica dei negozi fisici.

3. Preparare i contenuti

Come ci si può aspettare, non è sufficiente che un brand decida di avere una strategia per il metaverso e di avere successo. Devi tenere conto delle risorse 3D, dei media interattivi come i video ad alta risoluzione e della tua capacità di offrire un'esperienza scalabile. Scalabilità nel metaverso può significare includere tutti i mercati che desideri, garantendo al contempo un'esperienza rapidissima. L'importanza di un'ottima esperienza di contenuti è amplificata nel metaverso, poiché tutto deve essere progettato solo per il tuo brand.

Se tutto ciò è una novità per te, partire da un DAM può consentire ai tuoi team di marketing di essere autosufficienti, di archiviare e trasformare i media interattivi. Dovrai fornire gli strumenti e la visione necessari per dare alle tue risorse creative la possibilità di sfruttare al meglio tutte le loro competenze.

4. Investire nelle persone

Mentre stai mettendo in ordine tutti i tuoi contenuti, è anche fondamentale garantire che i tuoi dipendenti abbiano le competenze adatte per sostenere la presenza del tuo brand in qualsiasi forma del metaverso scegli di perseguire.

Ad esempio, se stai andando verso i percorsi più comuni che i brand intraprendono, come Triumph, e inizi a pensare al metaverso come a un'estensione della tua attuale esperienza digitale, vorrai assicurarti che i tuoi team digitali siano formati, concepiti per scalare e che utilizzino tecniche e tecnologie cloud moderne. Ciò risulta di fondamentale importanza perché la velocità è considerata un fattore di differenziazione commerciale; tempi di caricamento dell'esperienza più rapidi portano a maggiori ricavi. Sfortunatamente, anche la promessa di un'esperienza più coinvolgente non è sufficiente per superare il breve intervallo di attenzione e il basso livello di pazienza del cliente.

5. Finanziarlo (moderatamente)

Crediamo fortemente nella promessa del metaverso e nelle esperienze ispirate dal metaverso di permettere ai brand di soddisfare le crescenti aspettative dei consumatori. Tali esperienze hanno il potenziale di infiltrarsi in qualche modo praticamente in qualunque settore: dai grandi acquisti fino al ripensare al modo in cui i governi interagiscono con i loro cittadini.

Detto questo, queste esperienze immersive sono ancora in fase iniziale.

Consigliamo ai brand di fare investimenti modesti per testare, imparare e ottimizzare oggi stesso, per poter perseguire la strategia del brand senza introdurre distrazioni massicce e indesiderate.

David Schweer è VP, Portfolio Marketing di Sitecore.