Vai al contenuto principale

Che cos'è la gestione dei contenuti nel cloud?

Che cos'è la gestione dei contenuti basata sul cloud, cosa offre e come determinare il costo totale di proprietà per le tue esigenze.

Capitolo 1

Gestione dei contenuti sul cloud

Le aziende stanno puntando sempre più sul cloud non solo per soddisfare le loro esigenze infrastrutturali, ma anche per eseguire il loro Software as a Service (SaaS). In questo contesto, i marketer, i titolari di aziende e gli strateghi possono beneficiare dei vari servizi, definizioni e offerte attualmente disponibili sul cloud.

In questo articolo consideriamo la gestione dei contenuti basata sul cloud nel contesto dell'attuale espansione delle offerte cloud, definiamo questa utile tecnologia, ne delineiamo i vantaggi e poniamo domande importanti per determinare il costo totale di proprietà (TCO) della tecnologia cloud, soprattutto nell’ambito della tecnologia per il marketing.

Capitolo 2

La storia dei servizi cloud: da IaaS a PaaS a SaaS

IaaS

Cominciamo con la forma di cloud computing più basilare: Infrastructure as a Service (IaaS). In un modello IaaS, i fornitori offrono come servizio in abbonamento un'infrastruttura IT, come elaborazione, archiviazione, networking e altro hardware. Gli utenti possono quindi implementare ed eseguire sistemi operativi, applicazioni e altri software su questa infrastruttura cloud e accedervi da remoto.

Il costo degli abbonamenti IaaS varia a seconda dell'allocazione e del consumo delle risorse. Il vantaggio principale? Non è necessario investire, mantenere e proteggere l'infrastruttura fisica.

PaaS

La fase successiva nel cloud computing è la Platform as a Service (PaaS). Mentre IaaS fornisce server, sistemi di archiviazione e reti, PaaS offre tutto questo insieme a sistemi operativi e database.

In breve, i fornitori PaaS garantiscono un framework che gli sviluppatori possono utilizzare per creare e implementare applicazioni. In un modello PaaS, un fornitore cloud terzo gestisce tutti gli aspetti dell'infrastruttura, mentre gli sviluppatori dell'azienda gestiscono le applicazioni.

SaaS

Software as a Service (SaaS) è il livello successivo del cloud computing: software presente nel cloud e accessibile da remoto, solitamente tramite Internet, ma talvolta anche attraverso reti private virtuali (VPN).

I fornitori SaaS mantengono il software, gestiscono l'hosting e si occupano delle richieste di supporto, per un costo mensile o annuale. Uno degli innovatori originali del modello SaaS è il nostro partner Salesforce, ma anche se non lo conosci, è probabile che tu sappia cosa significa SaaS.

Pensa al tuo abbonamento a Spotify. Paghi una tariffa, Spotify ti offre l'accesso a qualsiasi tipo di musica o podcast che desideri, ovunque tu sia. Naturalmente, se vogliamo essere pignoli, Spotify non è un SaaS, poiché non è un modello B2B, ma a tutti gli effetti, è la stessa cosa.

Altri esempi di SaaS: Slack, Dropbox, Grammarly e Gmail.

Capitolo 3

Cloud CMS e CaaS

Un sistema di gestione dei contenuti (CMS) basato su cloud può essere definito Content as a Service (CaaS), una versione specifica di SaaS. Le soluzioni di gestione dei contenuti sul cloud si sono evolute dal tradizionale spazio di gestione dei contenuti aziendali (ECM). In sostanza, un CMS (o CaaS) cloud fa riferimento a un sistema di gestione di contenuti headless che archivia i contenuti grezzi sul cloud.

Per grezzi intendiamo i contenuti nel loro formato di base, senza HTML o un modello, progettati come elementi fondamentali di contenuto: contenuti modulari che possono essere uniti in diversi layout e consumati da numerosi endpoint. La piattaforma utilizza interfacce di programmi applicativi (API) per alimentare questi contenuti grezzi verso (o offrire contenuti quando chiamati) vari consumatori (dispositivi o canali, nel linguaggio del marketing), dove possono essere resi disponibili e quindi accessibili agli utenti finali.

Per classificarsi come CMS nel cloud, una piattaforma deve disporre di diverse funzionalità chiave:

  • Il cloud
    Probabilmente non c'è bisogno di dirlo, ma un CMS cloud richiede il cloud. E offre tutti i vantaggi: scalabilità, risparmi sui prezzi, sicurezza e aumento della larghezza di banda, oltre a una riduzione dello stress per i team IT interni ecc.
  • Struttura dei contenuti basata sull'oggetto
    In un CMS, i contenuti possono essere archiviati come blocchi oppure oggetti (contenuto grezzo di cui sopra). Un esempio di archiviazione a blocchi potrebbe essere un CMS che archivia intere pagine web, come Drupal. Al contrario, un CMS basato su oggetti, come Sitecore, archivia la stessa pagina web degli oggetti. Un oggetto sarebbe l'immagine dell'intestazione, un altro il copy di H2, un altro il testo del corpo ecc. Questo risulta fondamentale nel mondo omnicanale attuale: l'archiviazione basata su oggetti semplifica notevolmente la distribuzione multicanale.
  • Architettura headless
    In generale, l'architettura del CMS può essere divisa in back-end e front-end (per le specifiche, consultare qui). Il back-end gestisce i contenuti. Il front-end li presenta. Per molti CMS tradizionali, questi due livelli sono legati tra loro. Sitecore li ha sempre separati e la nostra lungimiranza ha sempre dato i suoi frutti, poiché i vari dispositivi utilizzati per accedere a Internet proliferano, gli sviluppatori e i produttori di contenuti hanno sempre più favorito un approccio disgiunto.
  • Presentazione indipendente
    L'approccio disgiunto è preferibile per un motivo principale: la libertà. I team sono liberi di archiviare e offrire contenuti sul back-end, consentendo nel contempo ai vari dispositivi a cui si accede ai contenuti di determinarne la modalità di presentazione. In pratica, ciò significa che gli stessi contenuti possono essere inviati a una pagina web e ad Alexa.

In questo contesto la struttura dei contenuti gioca un ruolo. Alexa non desidera l'immagine del banner. Vuole solo il titolo, i sottotitoli e il corpo del testo. Se i tuoi contenuti sono archiviati come un'intera pagina (non come oggetti), dovrai creare una versione completamente nuova e facile da usare da Alexa.

Probabilmente puoi già comprendere il motivo per cui sia gli sviluppatori sia i marketer sono fan della gestione dei contenuti basata sul cloud. Ma analizziamone più in dettaglio i vantaggi.

Capitolo 4

Vantaggi della gestione dei contenuti cloud

Innanzitutto, gli sviluppatori back-end possono lavorare contemporaneamente con il front-end. Sul front-end, gli sviluppatori di interfacce utente (UI) ricevono le loro API preferite, mentre gli sviluppatori di app mobili ottengono contenuti facili da usare. Infine, i marketer possono offrire contenuti su tutti i canali, senza ricrearli da zero per ciascuno di essi. Un altro considerevole vantaggio del disgiungere il back-end e il front-end è a prova di futuro: indipendentemente dai canali che appariranno in futuro, i marketer saranno pronti a distribuirci contenuti.

Un sistema di gestione di contenuti (CMS) basato sul cloud può offrire molti vantaggi, tra cui:

  • Scalabilità: un CMS basato sul cloud può essere facilmente scalabile per poter soddisfare le esigenze della tua azienda. È possibile aggiungere o rimuovere risorse a seconda delle esigenze, senza doversi preoccupare delle limitazioni hardware.
  • Accessibilità: è possibile accedere a un CMS basato su cloud da qualsiasi parte del mondo, purché si disponga di una connessione Internet. Ciò consente la collaborazione remota e può migliorare la produttività.
  • Automazione: flussi di lavoro automatizzati che snelliscono i processi aziendali e semplificano la conformità.
  • Risparmio di costi: un CMS basato sul cloud elimina la necessità di hardware, licenze software e personale IT costosi per la manutenzione del sistema. Paghi solo le risorse che ti servono, quando ne hai bisogno.
  • Sicurezza: i fornitori di CMS basati sul cloud di solito adottano misure di sicurezza estese per proteggere i tuoi dati. Ciò include crittografia, backup dei dati e autenticazione a più fattori.
  • Facilità di aggiornamento e manutenzione: i fornitori di CMS basati sul cloud gestiscono gli aggiornamenti e la manutenzione del software, il che significa che non devi preoccuparti di mantenere aggiornato il tuo sistema.
  • Integrazione: un CMS basato sul cloud può facilmente integrarsi con altri servizi basati sul cloud come e-mail marketing, social media e piattaforme di e-commerce.
  • Flessibilità: un CMS basato sul cloud può essere personalizzato per soddisfare le tue esigenze aziendali specifiche. È possibile aggiungere o rimuovere facilmente le funzionalità secondo necessità e scalare il sistema per soddisfare le mutevoli esigenze.
  • Customer experience avanzate: il CMS consente alle aziende di offrire contenuti rilevanti, personalizzati e uniformi in tutti i molteplici canali, dando vita a una customer experience più soddisfacente e coinvolgente.

Questi vantaggi si traducono in una maggiore velocità di commercializzazione, scalabilità su richiesta, gestione senza preoccupazioni dell'infrastruttura, riduzione del rischio, innovazione semplificata, offerta omnicanale e acquisizione dei dati iin modo efficiente ed efficace.

Sitecore XM Cloud, il CMS nativo cloud di Sitecore, consente ai brand di sfruttare questi vantaggi dell'agilità del cloud, offrendo al contempo ai marketer la semplicità grazie ai suoi strumenti visivi facili da usare. I brand possono rimanere rilevanti e creare esperienze di contenuti personalizzati.

Capitolo 5

Costo totale di proprietà

Quando si tratta di costo totale di proprietà (TCO), è importante considerare diversi fattori.

Innanzitutto, vorrai chiarire i costi iniziali e le tariffe di abbonamento, tra cui ciò che includono. Chiedi al tuo forntiore quali sono i costi di hosting, scalabilità, sicurezza e implementazione. Ad esempio, il fornitore offre un certificato SSL? Quante pagine sono incluse al mese? Quali sono le tariffe per i periodi di traffico intenso, come il Black Friday per un'attività commerciale?

Inoltre, vorrai anche parlare con il tuo fornitore di soluzioni, con i suoi partner di implementazione e persino con i clienti attuali (supponendo che tu possa trovarli), di un altro costo iniziale: la formazione che il tuo team dovrà seguire per diventare operativo.

In secondo luogo, dovrai considerare gli aggiornamenti. Molte soluzioni basate sul cloud, come Sitecore XM Cloud e Sitecore Content Hub ONE, si aggiornano automaticamente. Anche se questa comodità, che ti offre l'ultima versione con aggiornamenti minimi del tuo team, è ideale per molte soluzioni, non è sempre l'opzione migliore per il tuo brand. Ciò dipenderà dalla maturità digitale della tua azienda, dalle dimensioni del tuo team IT e dalle sue preferenze. Qualunque sia l'opzione migliore per le tue esigenze, vale la pena di chiarire ciò che è necessario per implementare nuove versioni.

La legislazione sulla protezione dei dati, come il GDPRe il California Consumer Privacy Act (CCPA), ha reso ancora più necessario per le aziende mantenere la sicurezza e la conformità con i dati dei clienti. I CMS nel cloud consentono di localizzare le politiche sui contenuti e sui dati, che ottimizzano queste esigenze. Assicurati di esplorare le opzioni relative alla sicurezza e ai dati del CMS basato sul cloud che stai prendendo in considerazione.

Capitolo 6

Scelta dell'opzione di implementazione più adatta

Aziende diverse hanno esigenze differenti. Ciò vale sia per le opzioni di implementazione sia per il software. Sitecore offre strumenti di gestione di contenuti basati sul cloud, inoltre continua a supportare le opzioni in loco e gestite nel cloud per ottimizzare i processi aziendali.

Scopri di più sulle opzioni di implementazione di Sitecore.

Una potente piattaforma per personalizzare le esperienze

Scopri i nostri contenuti end-to-end e le soluzioni di e-commerce.