Vai al contenuto principale

Che cos'è un CMS headless?

Scopri tutto ciò che i marketer e gli sviluppatori devono sapere sui sistemi di gestione dei contenuti headless, disgiunti e basati sulle API.

CAPITOLO 1

Che cos'è un CMS headless? (versione breve)

In breve, l'architettura del CMS headless separa le funzioni dei contenuti back-end (creazione, gestione e archiviazione) dalle funzioni front-end (presentazione e offerta).

Prima di diventare troppo tecnici, partiamo dal suo significato nel contesto dell'esperienza del brand.

L'architettura headless è in parte una risposta al modo in cui si è evoluto il rapporto tra contenuti web e creazione di contenuti. Per molto tempo, la maggior parte dei contenuti web veniva fornita tramite un browser, spesso come pagina web. Ma sono in arrivo sempre nuovi dispositivi connessi e il pubblico consuma contenuti tramite diverse interfacce utente, quali dispositivi smart, dispositivi indossabili, assistenti vocali basati sull'IA e cuffie per la realtà virtuale (RV).

L'architettura headless del CMS è fondamentale per affrontare queste nuove sfide dei contenuti. Ciò implica che puoi creare e gestire facilmente tutti i contenuti richiesti dal tuo pubblico e adottare un approccio omnicanale che offra contenuti a tutti i punti di contatto rilevanti.

CAPITOLO 2

Architettura del CMS 101: headless, disgiunto e basato su API

CMS headless: front-end rispetto al back-end

I tradizionali sistemi di gestione dei contenuti monolitici sono costituiti da due parti: front-end e back-end.

In termini generali, il back-end di un CMS si riferisce al modo in cui i contenuti sono gestiti, mentre il front-end alla modalità in cui vengono presentati. Pensa alla vetrina di un negozio.

Le attività front-end includono tutto ciò che vedresti mentre sbirci dalla strada: la scelta e la disposizione dei prodotti e il branding.

Le attività di back-end invece comprendono la logistica, la creazione della segnaletica, lo stoccaggio dell'inventario e la gestione della movimentazione delle merci all'interno del negozio.

Quindi, per un sito web di base, il back-end potrebbe includere:

  • Un'interfaccia semplice per creare contenuti
  • Un database per archiviare le risorse digitali
  • Un livello di applicazione per sviluppare e applicare le strutture di progettazione

Il front-end analizzerebbe quindi i contenuti, le risorse archiviate e i progetti, e li pubblicherebbe su una pagina HTML.

Cos'è un CMS disgiunto?

Con un CMS tradizionale, la presentazione front-end, nota anche come livello di presentazione, e il back-end sono stati saldamente collegati. Gli utenti potevano creare, archiviare, gestire e pubblicare contenuti in un'unica interfaccia.

Per gli utenti non tecnici e gli editor di contenuti che pubblicano contenuti semplici, ad esempio un blog in WordPress, questa era una configurazione perfetta.

Ma poiché le esperienze digitali e l'e-commerce continuano a evolversi, gli sviluppatori dedicano troppo tempo alla creazione di soluzioni alternative personalizzate per ottimizzare le esperienze e offrire contenuti più sofisticati a un'ampia varietà di dispositivi.

I CMS disgiunti suddividono le attività back-end e front-end. In pratica, ciò significa che gli sviluppatori possono rapidamente codificare e progettare esperienze front-end nella loro lingua preferita senza essere vincolati da tecnologie back-end restrittive.

Possono invece utilizzare le RESTful API o GraphQL API per collegare le funzioni back-end — come l'archiviazione e la gestione di contenuti — a qualsiasi ambiente di distribuzione front-end.

Che cos'è un CMS basato sulle API?

Laddove i CMS disgiunti separano le funzioni back-end e front-end, spesso includono ancora alcuni strumenti di offerta front-end, ad es. modelli di pagina o integrazioni di moduli.

I CMS basati su API sono funzionalmente gli stessi dei CMS headless in quanto non dispongono di un front-end predefinito. Gli sviluppatori sono liberi di creare tutti i livelli di distribuzione necessari (in qualsiasi lingua preferiscano) per inviare contenuti a qualunque nuovo canale immaginabile.

I CMS basati su API sono ottimi se hai un team di sviluppatori qualificati pronto a farli funzionare: il CMS gestisce semplicemente i contenuti e attende una chiamata API da un livello di distribuzione front-end creato dal team di sviluppo.

I CMS disgiunti, invece, si adattano alle aziende che desiderano la flessibilità offerta da un front-end e un back-end separati, ma che potrebbero avere ancora bisogno di supporto nella pubblicazione.

CAPITOLO 3

Per cosa (e chi?) è utile un CMS headless?

Le soluzioni di CMS headless sono senza dubbio il futuro nella gestione dei contenuti, per due motivi fondamentali:

  1. i contenuti digitali e i loro creatori stanno diventando sempre più sofisticati e le aspettative degli utenti stanno crescendo. Per distinguerti e offrire customer experience eccezionali devi creare contenuti accattivanti, reattivi e interattivi, e devi essere in grado di farlo rapidamente.
  2. Emergono sempre nuovi canali digitali, tipi di contenuto e dispositivi utente. Non è sufficiente realizzare contenuti bellissimi: devi anche assicurarti di poterli distribuire ovunque, nel modo più efficiente possibile. Grazie ai CMS headless su base SaaS i marketer e gli sviluppatori possono creare contenuti incredibili oggi e, soprattutto, rendere a prova di futuro le operazioni sui contenuti per offrire contenuti su siti web, app mobili e in tutti i punti di contatto rilevanti.

Creando contenuti in maniera strutturata in un CMS headless, i brand possono migliorare le loro operazioni sui contenuti e offrire una migliore esperienza utente ai loro clienti.

È ideale per i marketer perché...

... possono creare contenuti una sola volta, permettendo ai loro sviluppatori di visualizzarli ovunque. Ciò implica meno tempo dedicato alle attività di amministrazione e più tempo riservato alla creazione di esperienze piacevoli e coerenti.

Rendendo possibile il riutilizzo dei contenuti, il content hub centralizzato elimina i processi manuali, come il copia e incolla. I marketer e i creatori di contenuti possono anche effettuare una sola modifica e condividere l'aggiornamento ovunque.

È ideale per gli utenti perché...

... l'esperienza dell'utente finale è sempre rapida, uniforme e reattiva. Questo perché il lato client non ha bisogno di comunicare con il sistema back-end, ma solo di rappresentare i contenuti.

È ideale per gli sviluppatori perché...

... sono liberati dalle limitazioni back-end dei linguaggi di programmazione di cui non hanno competenza. Possono invece creare l'aspetto, la percezione e la funzionalità delle esperienze utente tramite strumenti che conoscono e apprezzano (ad es. librerie e framework JavaScript), per poi inviare contenuti ovunque si utilizzino le più recenti API.

Gli sviluppatori possono scegliere la struttura front-end preferita e ci sono diverse opzioni disponibili per i generatori statici del sito, ad esempio Next.js, Gatsby.js e NUXT.js. In un CMS headless open source, gli sviluppatori possono accedere al codice (JavaScript, PHP) per creare le proprie chiamate e i modelli API.

CAPITOLO 4

Quali sono gli svantaggi di un CMS headless?

I sistemi di gestione dei contenuti headless standard non sono una bacchetta magica per risolvere tutte le sfide dei tuoi contenuti. Possono comportare due importanti lati negativi che devono essere presi seriamente in considerazione.

Innanzitutto, quello che guadagni in flessibilità da questo tipo di archivio di contenuti lo perdi in accessibilità. Poiché la presentazione viene lasciata agli sviluppatori che scrivono JavaScript, i marketer non tecnici non possono utilizzare l'authoring o l'editing “What You See Is What You Get” (WYSIWYG).

Il secondo aspetto è più impattante.

Quando rimuovi l'head di un CMS, si verifica qualcosa di drastico: tronchi la capacità di inviare in tempo reale i dati delle interazioni con i clienti tra il front-end e il back-end.

Ciò significa che non puoi personalizzare le esperienze o eseguire le attività di analisi dei contenuti.

La personalizzazione è passata dall'essere un “grazioso elemento da possedere” a un requisito fondamentale. I clienti stanno imparando che cosa significa avere un'ottima personalizzazione da leader di settore come Amazon, Netflix, Spotify e altri.

Se non puoi offrire un'esperienza simile, i clienti probabilmente andranno altrove, e lo faranno presto. Quindi, qual è la risposta?

CAPITOLO 5

Entra nel CMS headless ibrido

L'architettura CMS ideale unirebbe la flessibilità e l'estensibilità di piattaforme CMS headless con le funzionalità di personalizzazione e analisi dei contenuti offerti da un CMS tradizionale collegato.

Ed è esattamente questo che le opzioni headless componibili di Sitecore offrono.

Molteplici opzioni headless supportano gli sviluppatori front-end mentre creano soluzioni e app che presentano i contenuti su qualsiasi dispositivo o browser. Sia che si utilizzino librerie JavaScript come Vue.js, React.js e Angular.js, o che si sfruttino il nuovo ASP.NET Core SDK e l'architettura host di rendering headless, gli sviluppatori possono scegliere ciò che è meglio per loro.

Queste opzioni includono anche un'API che si collega al server di distribuzione di contenuti contestuali di Sitecore, in modo che gli utenti possano vedere in tempo reale contenuti personalizzati in base alle informazioni del profilo, alle interazioni precedenti e non solo.

A powerful platform for digital experiences